Cicap Stop Blocchiamo la Disinformazione Assassina di Stato

Cicap Stop Blocchiamo la Disinformazione Assassina di Stato
Pagina Facebook,pigia sull'immagine e iscriviti per ricevere ulteriori informazioni e notizie.

venerdì 8 gennaio 2016

Bufale un Tanto al Chilo: Creatori di Bufale butac.it – MICHELANGELO COLTELLI e apparentamenti vari CAUSANO A VARIE AZIENDE DANNI ECONOMICI AL SOLO SCOPO DI FARE SOLDI CON LA DIFFAMAZIONE

SOLO SCOPO DI FARE SOLDI CON LA DIFFAMAZIONE

Gioielliere di Bologna. Evidentemente il troppo oro che ha visto gli ha dato alla testa!
Gli zimbelli del web, BUTAC.IT hanno ormai raggiunto la fine del barile. Indagini in corso dalle procure di Bologna e Firenze stanno esaminando quando sia il danno economico che gli autori, uno identificato come Michelangelo Coltelli (Coltelli), hanno causato a diverse aziende – al solo scopo di fare soldi con la diffamazione.
Siamo felici che BUTAC.IT presto chiuderà i battenti e con lui anche chi ha scritto per il sito. Il soprannominato COLTELLI ha una gioielleria a Bologna e credo che avrà come pagare i danni che il comitato di risarcimento e querelante gli sta’ chiedendo.
Sono stati anni in cui internet è stata poco regolamentata. Anni in cui elementi meschini come quelli di BUTAC hanno lucrato sopra aziende, persone, fatti e un pubblico di credenti ignari. Ora è il momento di pagare per quanto grosse le hanno sparate. Cosa? Le loro Bufale ovviamente.
Chissà se Michelangelo Coltelli scriverà un libro sulle bufale da qualche cella di qualche carcere, oppure, sotto un ponte e ormai al bighellonaggio, vorrà raccontare la sua BUFALA-VITA con qualche gioiello ancora addosso.
Che dire? Gente inutile e meschina e forse prezzolata che ha solo causato confusione, danno economico e un grosso, grosso prezzo da pagare per loro stessi,
Non è una BUFALA, amici di BUTAC.IT, è solo quanto vi meritate  http://piemonte.puscii.nl/articolo/23791/creatori-di-bufale-butac-it-michelangelo-coltelli Altri fondatori e collaboratori per riempire il web di falsità per certe coperture mediche e militari 

QUELLI DI BUTAC MINACCIANO I GIORNALISTI CHE PUBBLICANO 

 Oltre alla richiesta di oscuramento di oscuramento parziale del sito Bufale un tanto al chilo, il presidente di AIDAA Lorenzo Croce ha denunciato i responsabili del sito Bufale un Tanto al Chilo per sostituzione di persona e minacce.Gianluca Zamagni (Maledetto)  
  e Paolo Costa (Drugo)
questi sono i responsabili del sito sono stati pescati con le mani nella marmellata. Ogni volta che un giornale o un sito pubblica una notizia di AIDAA questi signori spacciandosi per il presidente dell'associazione (reato di sostituzione di persona) telefonano alla redazione per scoprire chi è il giornalista che ha pubblicato l'articolo in questione. L'ultima di queste porcherie risale alla giornata di ieri quando i due o qualcuno per loro ha telefonato ad un agenzia stampa per conoscere il nome del giornalista che ha pubblicato un articolo sulle inziative di AIDAA. Orbene spacciandosi per il presidente di AIDAA si sono fatti dire il nome ed il numero di telefono del giornalista che hanno poi chiamato intimandogli, con metodo squadristico e mafioso, di non pubblicare articoli di AIDAA PENA LO SPUTTANAMENTO DELLO STESSO GIORNALISTA, CHE OVVIAMENTE NON FACENDOSI INTIMIDIRE HA RICHIAMATO IL PRESIDENTE DI AIDAA RACCONTANDO LA TELEFONATA DEGLI SQUADRISTI ROSSI DI BUTAC.IT. OVVIAMENTE STAMATTINA E' SCATTATA LA DENUNCIA. 
VISTO CHE LORO USANO CON NOI METODI SQUADRISTI, SARANNO RICAMBIATI ALLO STESSO MODO MA SENZA VIOLENZA.http://aidaa-animaliambiente.blogspot.it/2015/02/quelli-di-butac-minacciano-i.html Un altro collaboratore di Butac è David Puente 
 

BUTAC.IT E BUFALE.NET: I FINTI SITI ANTI-BUFALE CONVOCATI DAL PD Vox vi ha sempre detto, come dietro i finti siti anti-bufale Butac.it eBufale.net si nascondesse, in realtà, un’opera di dis-informazione tesa a depistare i lettori dai problemi reali.

Ora, sono usciti allo scoperto. Addirittura convocati dai loro referenti politici del PD, a Bologna: 
Questa Nadia Monti (PD) 
ha una storiella politica particolare. Faceva parte dell’IDV del desaparecido Di Pietro, ora è praticamente un’assessora PD. Si occupava, fino a pochi mesi fa, di ‘sicurezza’, a Bologna.
E’ nota alle cronache per avere ideato, con un’altra assessora Sara Biagiotti (PD) 
 il ‘fotovoltaico’ per i campi nomadi. Abusivi. Geniale.
Per carità, non vi è nulla di male a fare conferenze stampa congiunte con il PD, basta dirlo: siamo un piccolo megafono telematico di Renzi. E siamo tutti più sereni. E informati sulle reali intenzioni di fuffari che si spacciano per indefessi cacciatori di bufale. 
Del resto, basta dare un occhio a quei siti, per capire l’impronta quasi fanatica pro-immigrazione.    http://voxnews.info/2015/10/02/butac-it-e-bufale-net-i-finti-siti-anti-bufale-convocati-dal-pd/ 

BOLOGNA: PROFUGHI SPACCIANO A RAGAZZINE, ASSESSORA SICUREZZA "NADIA MONTI " DENUNCIA VOX PERCHÉ NE PARLA


BOLOGNA – Quattordici anni e una dose di eroina in tasca. Una giovanissima bolognese è stata trovata in possesso di una dose e ha dichiarato ai carabinieri che la sostanza era per uso personale.
La quattordicenne è stata segnalata alla Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti. L’ennesima bambina rovinata dallo spaccio facile che domina in città.

E come mai, è così facile procurarsi droga a Bologna e nelle altre città? Ma perché ci sono loro, le risorse!
Sempre nella giornata di mercoledì, infatti, nel parco della Montagnola, a seguito di segnalazioni arrivate per la presenza di un giro di spaccio nell’area circostante l’asilo Betti Giaccaglia, sono stati arrestati due ‘profughi': un 29enne nato in Senegal e un 20enne nato in Guinea-Bissau, trovati in possesso di droga da spacciare.
I due sono ospitati entrambi in comunità per profughi e in attesa di asilo politico.
In tutto questo, la ormai ex assessora alla sicurezza, la fotovoltaica e ‘stupefacente’ Nadia Monti, trova il tempo di denuncia Vox perché scrivere male dei migranti.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.